Acquisti Telematici 9.0: la piattaforma di e-Procurement più usata in Italia si rinnova

Nuovo Acquisti Telematici 9.0. ancora più veloce e innovativo, con l'affidabilità di sempre

Acquisti Telematici 9.0: la piattaforma di e-Procurement più usata in Italia si rinnova con un motore ancora più veloce, nuove funzionalità e un design usabile e accessibile

 

Acquisti Telematici 9.0, l’ultima major release della suite di e-Procurement di DigitalPA, si pone ancora una volta in prima linea nell’evoluzione tecnologica e digitale dei servizi per le Pubbliche Amministrazioni, presentando una piattaforma completamente rinnovata nella veste grafica e potenziata nelle prestazioni.

Al cuore dell’aggiornamento ci sono infatti:

 

elease-digitalizzazione-acquisti-pubblica-amministrazione.jpg- Il rafforzamento dell’immagine delle Stazioni Appaltanti, grazie ad un nuovo look della parte pubblica della piattaforma che dona maggiore prestigio e visibilità all’Ente;

- una comunicazione più efficace tra Stazione Appaltante e fornitore;

- una dashboard per i fornitori moderna e funzionale, che garantisce migliore visibilità sui dati, agilità e capacità di controllo, ricca di funzionalità intuitive;

- un netto incremento delle performance della piattaforma con un nuovo motore ancora più veloce e stabile, e un’interfaccia ottimizzata in termini di usabilità e accessibilità.

Oltre al miglioramento delle prestazioni dell’applicativo, Acquisti Telematici include ora il DGUE elettronico italiano, anticipando una delle funzionalità indicate da AgID tra quelle che tutti gli strumenti digitali di procurement indirizzati alle Pubbliche Amministrazioni dovranno obbligatoriamente includere entro il prossimo anno. Stazioni Appaltanti e operatori economici potranno perciò ora gestire in tutta semplicità Richiesta e Risposta di eDGUE-IT in formato .xml senza doversi spostare dalla piattaforma.

Vediamo ora insieme nel dettaglio quali sono le novità più importanti della release 9.0 di Acquisti Telematici.

 Nuova veste grafica dell'interfaccia pubblica e esperienza utente ottimizzata per l'Albo Fornitori

Nuova veste grafica dell’interfaccia pubblica e esperienza utente ottimizzata per l’Albo Fornitori- Schermata home e menu personalizzati con il logo della Stazione Appaltante, immagine schermata home personalizzabile

- Più visibilità per le ultime news della Stazione Appaltante sulla home

- Design rinnovato per la sezione gare, che include tag per la categorizzazione delle procedure e una timeline che dà maggiore risalto alle date di pubblicazione e scadenza

- Filtri di ricerca più intuitivi per le gare

- Cruscotto personale del fornitore rivoluzionato, con visibilità immediata delle categorie di iscrizione, delle domande di partecipazione, delle gare, dei messaggi, delle ultime attività svolte – di grande utilità per account aziendali condivisi – e integrazione di un nuovo widget per le scadenze documentali, che permette il caricamento diretto di documenti e certificazioni

 

 

eDGUE-IT integrato

 

eDGUE-IT integrato

Stazioni Appaltanti e operatori economici possono ora gestire la richiesta di DGUE (eDGUE-IT request) e risposta di DGUE (eDGUE-IT response) senza dover lasciare la piattaforma Acquisti Telematici. Il formato .xml assicura la piena conformità alle specifiche tecniche AgID.

 

 

 

Interoperabilità con i software di protocollazione e documentali

Interoperabilità con i software di protocollazione e documentali

- Interfacciamento diretto con i protocolli e gli archivi documentali informatici degli Enti, che consente di protocollare le comunicazioni effettuate sulla piattaforma

 

Pre-bozze di gara incluse nel Modulo Pianificazione Strategica degli Acquisti

- Possibilità di creare e salvare pre-bozze di gara nell’area dedicata alla pianificazione degli acquisti, e di trasformarle in bozze di gara vere e proprie

Pianificazione Strategica degli Acquisti è il modulo attivabile su richiesta di Acquisti Telematici con cui programmare con la massima efficienza i fabbisogni delle Stazioni Appaltanti, controllare i budget annuali e ottimizzare la spesa complessiva.

 

logo-acquisti telematici 9.0 digitalizzazione acquisti PA

 

Il Project Manager di Acquisti Telematici, il dott. Giovanni Salutari, commenta così la nuova release:

“Siamo orgogliosi di poter offrire una soluzione software ancora più piacevole da usare e performante, che ad ogni nuova release sorprende con funzionalità uniche nel panorama italiano. Le esigenze del nostro pubblico di riferimento sono la nostra stella polare nella progettazione e nello sviluppo di funzionalità che portino più efficienza e innovazione nel procurement pubblico. Con il drastico miglioramento dell’esperienza utente per i fornitori, che rende più semplice gestire il processo di iscrizione, i dati e i documenti inseriti e le comunicazioni, le Stazioni Appaltanti guadagneranno in tempo, risorse ed efficienza.”

Parla con uno dei nostri consulenti per conoscere subito tutti i vantaggi di Acquisti Telematici per la gestione ottimizzata dei processi di procurement pubblico

Richiedi una consulenza

 

Appalti Pubblici e digitalizzazione: AgID lavora alle nuove Linee guida tecniche del procurement pubblico

 

In seguito alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto di Funzione Pubblica del 12 agosto 2021 n.148, che regolamenta le modalità di digitalizzazione delle procedure dei contratti pubblici ai sensi dell’articolo 44 D. Lgs. 50/32016, l’Agenzia per l’Italia Digitale è chiamata ad emanare nuove regole tecniche per il procurement pubblico che incorporino le best practices italiane ed europee.

Dopo il confronto pubblico dello scorso 31 marzo, cui hanno preso parte più di 100 soggetti tra stazioni appaltanti, fornitori della PA, università e professionisti, AgID è ora impegnata a raccogliere gli input provenienti dal mercato, attraverso incontri diretti con le aziende che forniscono e producono soluzioni per la digitalizzazione delle procedure d’appalto: la meta da raggiungere è quell’”uniformità tecnologica” che consentirà la standardizzazione della comunicazione dei dati tra le piattaforme di e-procurement e gli organismi di vigilanza e controllo.

Anche DigitalPA ha preso parte alle consultazioni di AgID sulle regole tecniche durante l’incontro “one to one” del 3 maggio, mettendo a disposizione la propria esperienza maturata con la piattaforma per la gestione degli albi fornitori e delle gare telematiche Acquisti Telematici, utilizzata da oltre 1000 Stazioni Appaltanti in tutta Italia.

In un momento storico in cui la transizione digitale della Pubblica Amministrazione ha finalmente conquistato l’attenzione che merita, grazie anche ai sostanziosi fondi che il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ha stanziato nell’ambito della Missione 1 del piano – 9,75 miliardi di euro per la digitalizzazione, innovazione e sicurezza della PA – è il momento di riflettere su come l’e-Procurement possa diventare lo strumento chiave per incrementare l’efficienza e l’innovazione di qualunque Organizzazione pubblica, indipendentemente dalla sua dimensione.

Razionalizzare il modo in cui le PA acquistano beni e servizi può infatti diventare un vero volano di innovazione per il Paese, con ricadute dirette e tangibili non solo sul contenimento della spesa pubblica, ma anche sulla qualità dei servizi per cittadini e imprese, oltre che sullo sviluppo del tessuto economico, locale e nazionale.